Stocker e case di riposo

Pubblicato il 08-01-2016 da Luca Balducci - ( 641 letture )

 

Nessuna riduzione degli organici nelle case di riposo della PA di Bolzano. Per chiarirlo e mettere a tacere gli allarmi, l’assessore alla sanitàMartha Stocker e il presidente dell’Associazione delle residenze per anziani,Norbert Bertignoll, hanno diffuso oggi una nota in cui si spiega che “già alcuni anni fa è stato innovato il sistema di finanziamento delle strutture residenziali per anziani dell’Alto Adige, che al momento comprendono circa 4.200 posti letto in 77 strutture. Attraverso l’introduzione di un importo unitario per posto letto è stata garantita alle strutture una maggiore sicurezza e stabilità del finanziamento”.

Questo processo, spiegano Stocker e Bertignoll, è stato completato ad inizio 2016 e “per sostenere in modo adeguato situazioni particolarmente onerose dal punto di vista assistenziale e per accompagnare il processo di specializzazione delle strutture, le case di riposo che presentano in misura significativa tali situazioni riceveranno risorse mirate nel quadro delle cosiddette ‘forme particolari di assistenza”. Situazioni di questo tipo sono rappresentate, ad esempio, da ospiti con un alto livello di fabbisogno infermieristico o con una particolare necessità di accompagnamento a causa di disturbi comportamentali.

                                                         

Fonte QS

 

Pubblica in:   

Notizia presente in: