L'educazione in un mondo globalizzato dal punto di vista dell'AIEJI

Pubblicato il 04-08-2017 da Comunicazione ANEP - ( 555 letture )

 

Introduzione

Nella mia veste di presidente della AIEJI, l'organizzazione internazionale degli educatori sociali capire che la nostra professione è sempre più importante - in un mondo dove si costruiscono muri, sono guerre ingaggiando e dove i governi stanno mettendo difficile per i cittadini emarginati . Ciò rende praticamente il mondo un posto più insicuro per vivere.

Nel luogo Vengo da noi abbiamo un modo di dire che si conosce una società da come tratta i più deboli. Purtroppo, in molti paesi questo è cambiato per farsi conoscere ad una società per come tratta la classe media. E questo è sbagliato. I leader politici hanno una responsabilità nei confronti dei più deboli della società. Dalla mia visione del mondo, sono le spalle larghe che devono sopportare.

Come educatori sociali siamo vicino di cittadini che sono ai margini della società oa rischio di diventarlo. Con la nostra professionalità creiamo opportunità. Abbiamo sostenere e supportare i cittadini emarginati dalla società. Aiutiamo a fornire una vita decente - in condizioni diverse. Ed è nostro dovere ricordare i politici ad aprire gli occhi per la necessità di politiche sociali preoccupano i cittadini che hanno più bisogno.

Dobbiamo ottenere risultati attraverso la nostra professione e le nostre azioni. Attraverso i confini nazionali e tra le culture, dobbiamo difendere i diritti umani nelle società e ispirare a vicenda e discutere forme e metodi differenti: 1) per dare supporto professionale a chi ha bisogno; 2) influenzare i politici che hanno il potere di trasformare la società. Per tutto questo la nostra piattaforma comune è la nostra professione.

L'obiettivo generale è che in diversi paesi di coping strategie e resistenza ai cittadini situati al di fuori del nostro sistema economico primario è costruito. E in modo che questo obiettivo è soddisfatta: dobbiamo lavorare insieme e stabilire le differenze che cambiano la vita delle persone. Differenze basate sulla professionalità, le competenze, la conoscenza, l'umanesimo e la solidarietà.


linee AIEJI di 2017 - 2021

Nel mese di aprile di quest'anno il Congresso Mondiale XIX si è tenuta AIEJI. E 'stato a Campinas, Brasile. Nell'assemblea generale del Congresso è stato deciso che l'AIEJI si concentrerà su tre aree nel campo dell'educazione sociale, entro il periodo successivo.

Vogliamo per far luce sulla situazione socio - lavoro educativo con il anziani e le persone con diagnosi di demenza. Mettere l'attenzione sulla la quest'ultimo, in quanto questo gruppo rappresenta una quota crescente del mondo 's popolazione e richiede abilità uniche. E 'fondamentale per le opportunità di vita di queste persone ricevono un adeguato sostegno nella loro vita quotidiana. E 'necessario che gli sforzi delle politiche sociali a favore degli anziani e persone affette da demenza, concentrandosi sul sostegno per fornire l'opportunità per lo sviluppo, la partecipazione e codeterminazione nella loro vita quotidiana. V'è una necessità per noi non solo a concentrarsi su età, invecchiamento, e non v'è una necessità per noi non solo a concentrarsi sulla diagnosi di demenza.

In questo contesto, l'educazione sociale è e può essere un elemento chiave. Di conseguenza, l'AIEJI iniziare nel prossimo periodo un progetto che si concentra su educatori sociali e il ruolo di educazione sociale, le azioni e l'importanza di lavorare con gli anziani e le persone con demenza, ad esempio, la loro partecipazione nella società, dando voce alle loro condizioni di vita.

Il progetto deve soddisfare esempi globali di lavoro educativo sociale con gli anziani e le persone affette da demenza. Sarà il risultato di una serie di raccomandazioni su come educatori di assistenza sociale possono modificare questo gruppo di cittadini. Il progetto si propone di ispirare educatori sociali in tutto il mondo a lavorare con persone provenienti da anziani e cittadini affetti da demenza.

Un altro problema che si libererà AIEJI luce dell'etica nel lavoro educativo sociale

Valori e atteggiamenti svolgono un ruolo importante nella formazione sociale. Sociale professione istruzione è l'unica professione che viene conseguentemente basa sul cittadino. Si tratta, come già accennato in questo articolo, conseguentemente accanto ai cittadini. Lavorare con persone in situazioni difficili richiede anche che gli educatori sociali hanno un forte valori fondamentali. Ci riferiamo alla visione dell'umanità, l'autonomia delle professioni e il quadro politico di educazione sociale in tutto il mondo.

Oggi, l'AIEJI ha già una serie di principi etici per il lavoro educativo sociale ( "linee guida etiche per gli operatori sociali"). Diverse organizzazioni hanno AIEJI anche valori etici fondamentali o linee guida etiche. Dibattiti e orientamenti sono fondamentali per gli educatori sociali di tutto il mondo. Pertanto, è necessario avviare un progetto che identifica in parte i principi etici attuali delle organizzazioni membri AEIJI.

Il progetto identificherà approcci e valori comuni all'interno del lavoro socio-educativo. Dobbiamo portare a una nuova serie di valori per gli educatori sociali. Un insieme di valori che faranno parte della fondazione AIEJI. Un insieme di valori che darà anche una serie di raccomandazioni alle organizzazioni membri AIEJI. Un insieme di valori che possono ispirare educatori sociali di tutto il mondo nel loro lavoro quotidiano.

Il terzo problema per AIEJI in questo periodo è quello di affrontare reclutare più membri. AIEJI oggi è l'unica organizzazione internazionale al mondo che rappresenta l'oggetto di un'azione educativa, la professione di educazione sociale e gli educatori sociali come un gruppo professionale. Oggi, l'AIEJI ha una forte posizione in Europa e in America Latina. AIEJI attualmente ha molti membri in tutto il mondo. Ma AIEJI, come molte altre organizzazioni internazionali, si trova di fronte tensioni finanziarie in molti luoghi, un mondo in cui le persone si concentrano sempre più su se stessa.

lavoro AIEJI su progetti specifici sui poteri e le funzioni di educatori sociali in un certo numero di settori ha mostrato che v'è la necessità, più che mai, un'associazione professionale internazionale degli assistenti sociali. Se non v'è alcuna associazione come questo, c'è il rischio che l'educazione sociale è stato ridotto da una professione, un metodo nel lavoro sociale.

Pertanto, è importante ed essenziale che l'AIEJI continuare a rafforzare. Più le organizzazioni che rappresentano gli operatori sociali, per unirsi alla AIEJI. In questo contesto, è fondamentale mettere a fuoco e mettere in evidenza i vantaggi di essere un membro della AIEJI. In primo luogo, cominceremo a lottare per ottenere più membri, prime organizzazioni nazionali che rappresentano gli educatori sociali, e dopo gli istituti di istruzione sociali che rappresentano la pratica socio-educativo. Il lavoro al tempo stesso sviluppare e mettere in evidenza i benefici che ha e deve avere essere un membro del AIEJI.

 

 I membri del Consiglio AIEJI. Dal lato di sinistra potete vedere Desanti Claudio Sanchez, Ney Moraes, Benny Andersen, Silvia Azevedo, Lorenzo Lucarelli e Daniela Duff.


Esempi di lavoro AIEJI

Nel corso degli anni ha lavorato AIEJI si è concentrata su obiettivi e ambiti di educazione sociale nei confronti di bambini, giovani e gruppi di adulti diversi. Nell'ultimo periodo (2013-2017), ad esempio, abbiamo evidenziato il socio - lavoro educativo con i figli piccoli rifugiati più anziani, non accompagnati, e socio - lavoro educativo nel campo della salute mentale.

Nel mese di giugno 2015, l'AIEJI ha pubblicato il rapporto "di lavoro socioeducative con i bambini rifugiati." Il rapporto è stato compilato da interviste con i lavoratori sociali in Israele, Spagna, Italia e Danimarca, e giovani minori non accompagnati in questi due paesi. prospettive e metodi per progettare buone pratiche nel lavoro educativo sociale con questo target teorici sono stati incorporati.

La scheda del progetto AIEJI ha informato tutti i suoi membri e le altre organizzazioni sono interessati anche a questa importante questione. La risposta delle organizzazioni membri AIEJI è stata che il rapporto era / è molto utile per concentrarsi sul lavoro socio-educativo con questo target, che comprende il lavoro socio-educativo fatto nei rispettivi paesi.

In quest'ultimo periodo, l'AIEJI è stato aggiunto alla lista OING (non internazionale - associazioni non governative) con il potere partecipativo al Consiglio d'Europa. Sotto la supervisione del AIEJI progetto sul contesto socio - lavoro educativo con i minori è stato presentato a Strasburgo non accompagnati nel mese di gennaio 2016. Successivamente, una presentazione del progetto richiesto dal Consiglio europeo stesso nel programma di lavoro migranti, richiedenti asilo e rifugiati nel l' ambito di prevenzione e gestione dei grandi rischi. Questa mostra ha avuto luogo a Lisbona nel mese di ottobre dello stesso anno, come pure un articolo sul progetto di AIEJI pubblicato nella pubblicazione migranti, rifugiati, richiedenti asilo: Inserimento in preparazione alle catastrofi e di risposta novembre 2016, del Consiglio d'Europa. Il progetto ha inoltre discusso sotto la protezione dell'UNHCR. E nel nord della relazione del pianeta è stato presentato in una conferenza in Finlandia "La forza del social e di lavoro educativo , " Giugno 2015.

rapporto AIEJI sul socio - lavoro educativo nel campo della salute mentale è stata completata nel mese di febbraio 2017 e presentato per la prima volta nella sua forma definitiva al Congresso Mondiale del Brasile nel mese di aprile. Il progetto si basa su dati empirici (interviste) provenienti da sette paesi: Brasile, Italia, Norvegia, Russia, Spagna, Svizzera e Danimarca, sia in psichiatria sociale e trattamento psichiatrico. Come descritto in precedenza nel progetto sono stati incorporati prospettive e metodi teorici per la progettazione di buone pratiche per il socio - lavoro educativo. Nel mese di dicembre 2016, il progetto è stato discusso in un articolo sulla rivista svizzera AIEJI SozialAktuell (n ° 12) dal titolo Disordini Gesundheit und Sozialpädagogik

Ma, naturalmente, l'AIEJI ha anche prospettive più generali sulla professione di educazione sociale (progetto futuro sull'etica nella socioeducactivo lavoro). Di tanto in tanto, l'AIEJI il membro organizzazioni sono invitati a tenere conferenze o partecipare a conferenze che si occupano di questioni specifiche. Un esempio di questo è l'AIEJI invito a Siviglia, Spagna, nel 2015, vi era il grande onore di parlare di educazione sociale e della cittadinanza. Il messaggio della conferenza spagnolo è stato "una formazione più sociale più la cittadinanza".

 

Discussione sulla situazione internazionale di Educazione Sociale. AIEJI. Social.Sevilla VII Congresso Istruzione 2016

 

Da una prospettiva internazionale, ho parlato del ruolo unico degli operatori sociali nel dare potere alle persone che sono vulnerabili a prendere decisioni sulla propria vita e di piangere quando i loro diritti sono violati. lavoro educativo sociale è quello di raggiungere la cittadinanza reale per queste persone, non solo i cittadini politici con il diritto di VOTO- ma possiedono anche un'identità, la posizione e la dignità. Ciò richiede un dominio sia quelli che sono in posizioni vulnerabili come quelli già inclusi. Il primo gruppo dovrebbe trattare con le comunità che non solo comprendono i cittadini nelle stesse situazioni. L'altro gruppo dovrebbe osare di incontrare i cittadini le cui storie di vita sono il risultato di modi diversi.

Sempre più paesi stanno adottando la creazione congiunta termine. Si tratta di un processo di dialogo basata in cui le diverse parti insieme definire e sviluppare azioni e v'è uno spazio per rinegoziazione continua. Esempio di co-creazione è quando gruppi di rifugiati in piccole comunità lungo con i locali devono collaborare e vivere insieme come cittadini, con il sostegno delle autorità locali e le organizzazioni di volontariato. Un altro esempio potrebbe essere quando una persona disabile è integrata nel mercato del lavoro perché tutte le parti sono o hanno le risorse per fare una reale inclusione

Al Congresso di Spagna parlano dell'educatore sociale, come una persona che, professionalmente, facilita il processo per le persone in posizioni vulnerabili sono parte della società. E 'un ruolo molto buono, un lavoro promettente e una missione di grande importanza per la società. Una società che include tutti per la loro qualità di cittadini altrettanto valore. Come una risorsa. Non come un peso.


Il miglior lavoro del mondo

In generale, dovremmo guardare alla base del nostro lavoro, le proposte che possiamo fornire a fare la differenza a favore dei cittadini più vulnerabili. Quando rifletto sulle esperienze che ho avuto durante la mia presidenza in AIEJI esistono particolari sette messaggi che chiaramente si distinguono:

Il primo messaggio è il dell'umanesimo . Dobbiamo vedere e servire i cittadini come persone di pari valore. Dobbiamo essere in grado di soddisfare tutte le sue virtù e le difficoltà dei cittadini.

Il secondo messaggio è l' etica . Siamo consapevoli di vita, i desideri e gli obiettivi del cittadino. Dobbiamo prendere questo come una base, sia quando si parla con i cittadini e quando si parla di cittadini.

Il terzo messaggio è la documentazione . Dobbiamo mostrare l'impatto del nostro lavoro. Dobbiamo coinvolgere i cittadini nei loro obiettivi e sviluppo personale - e condividere la conoscenza con i nostri colleghi.

Il quarto messaggio sono i rapporti . Questo implica professionalmente e personalmente utilizzato per costruire relazioni sicure, eque e di fiducia. Questa è una delle nostre chiavi.

Il quinto messaggio è il riflesso . Individualmente, con i colleghi e con la partecipazione dei cittadini. La chiave per il nostro sviluppo sta anche in questo.

Il sesto è un approccio interdisciplinare . Non possiamo fare a noi stessi. Pertanto, se trattiamo i cittadini nel loro insieme, dobbiamo coinvolgere altri professionisti nel nostro lavoro.

Il messaggio settimo ed ultimo è uno sforzo globale . Ciò comporta che collega tutti i fili della vita del cittadino con il cittadino, la rete e l'esecuzione di altri ruoli professionali. E lo faccio in modo che i cittadini possano dominare una grande parte della tua vita il più possibile.

Vorrei per chiudere questo articolo mettendo in evidenza ancora una volta la richiesta di una società più giusta. Questo non può essere separata dalla nostra professione, o il nostro lavoro quotidiano. Per il lavoro per avere successo, semplicemente deve essere basata su una maggiore equità. E ci siamo impegnati a lottare per più società giuste nel mondo - come i professionisti che sono professione esclusivamente essenziale come i professionisti che hanno il miglior lavoro nel mondo.

 

Pubblica in:   

Notizia presente in: aieji  ,  Noi EP