Ass. Negro - "Educatori nel sistema sanitario, la legge pugliese apripista"

Pubblicato il 14-03-2016 da WEBMASTER - ( 1957 letture )

 

 Si è tenuto questa mattina a Bari, presso il Salone degli Affreschi dell’Ateneo di Bari il convegno nazionale promosso dall’Università degli Studi di Bari “Dal sogno alla realtà”, per fare il punto sull’iter della proposta di legge per il riconoscimento delle figure di educatore e di educatore professionale all’interno del sistema dei servizi sanitari, sociali ed educativi, a partire dall’attuale offerta formativa delle università italiane.

Alla vigilia della conclusione dell’iter, che porterà a breve in Italia al pieno riconoscimento dell’educatore e dei relativi corsi di laurea necessari per il conseguimento del titolo da spendere nel mondo del lavoro, l’Assessore al Welfare Salvatore Negro è intervenuto su invito del Rettore dell’Università degli Studi di Bari, Prof. Antonio Uricchio, e della prof.ssa Silvana Calaprive per assicurare massimo appoggio all’iter legislativo e pieno impegno a proseguire nel lavoro per la qualificazione dei servizi, che non può non passare dal riconoscimento del contenuto professionale degli stessi.


“La nostra legge regionale dieci anni fa ha fatto da apripista per l’iter che in queste settimane si va concludendo a livello nazionale - ha sostenuto l’Assessore al Welfare - perché con un faticoso e assai lungimirante lavoro di concertazione tra Regione, ANCI, Università e principali associazioni di categoria del mondo delle professioni, l’art. 46 della l.r. n. 19/2006 sancì che per svolgere la funzione educativa nei servizi socioassistenziali, sociosanitari e socioeducativi era ed è necessario il conseguimento della laurea, pur con le necessarie puntualizzazioni rispetto ai percorsi di educatore sociale e di educatore professionale. Peraltro, già dieci anni fa, ci si pose il problema della salvaguardia delle posizioni lavorative già attive in presenza di molta esperienza pur senza il conseguimento del titolo di laurea.

Oggi la nuova sfida è quella di completare il lavoro avviato e consentire che anche alcuni titoli di studio di scuola media superiore, come ad esempio il tecnico dei servizi sociali, possano conseguire qualifiche professionali direttamente spendibili nel mercato del lavoro dei servizi sociali, a supporto delle figure laureate nella composizione delle equipe”.
Il ruolo che la Puglia ha svolto in questi anni sia dal versante della Regione che dal versante del mondo accademico e i positivi effetti della grande sinergia che si è andata consolidando, sono stati evidenziati anche dai parlamentari, dai docenti universitari, dalle associazioni che hanno preso parte all’incontro.

 

fonte: press Regione Puglia

 

Pubblica in:   

Notizia presente in:

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

Benefit per i SOCI ANEP 2021

I codici sconto sono comunicati in area riservata

ANEP ricorda il Dott. JJ Guilbert

Il 25 Marzo alle ore 17 si terrà un webinar visibile in diretta streaming su YouTube per ricordare la figura del Dott. Jean-Jacques Guilbert ed in particolare il suo ruolo nella formazione dei professionisti della salute in Italia.

20 febbraio giornata nazionale delle professioni di aiuto e del volontariato

Giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato istituita con L. 155/2020

ANEP piange la scomparsa del Prof. JJ Guilbert

Ci aveva guidato nella stesura del Core Competence dell'Educatore professionale

ULTIME NEWS REGIONALI

CONDIVIDERE ESPERIENZE - seconda edizione

26 aprile e 26 maggio - Altri 2 incontri formativi organizzati da ANEP Friuli Venezia Giulia

Assemblea Regionale ANEP LOMBARDIA-SARDEGNA 17 aprile 2021

Convocazione Assemblea Regionale Sez. ANEP Lombardia - Sardegna

il concorso alle porte presso l'ATS Sardegna

2 incontri on line di presentazione dei servizi 19 e 20 aprile 2021