Noi EP 
Educatore...? No, Educatore Professionale!

La figura dell'Educatore Professionale è presente in Italia sin dagli anni cinquanta, pur con denominazioni e percorsi di studio diversi dall’attuale.

Oggi, la denominazione "Educatore Professionale", è da tutti riconosciuta come corrispondente alla declinazione, pratica, formazione, deontologia della figura professionale, la quale non è legata al settore d’impiego bensì alle competenze professionali che le sono proprie.

Attualmente gli educatori professionali sono presenti nel lavoro socio-educativo in ambito pubblico, nel terzo settore e, pur in modo ancora residuale, nella libera professione.

In questa sezione potrai trovare quanto si è raggiunto sino ad oggi riguardo al riconoscimento giuridico della professione, alla deontologia professionale, alla definizione delle competenze, al piano di studi e ai titoli per esercitare la professione.

La posizione di Anep… in estrema sintesi

Anep evidenzia che non esiste alcuna differenza operativa e metodologica fra gli educatori professionali che lavorano in un servizio sociale o in un servizio socio sanitario o nel penitenziario, mentre la mancanza di una definizione giuridica della figura dell’educatore professionale come professione unica e con un unico percorso formativo ha generato storture nella gestione dei servizi, è confusiva per il cittadino che usufruisce dei nostri interventi, danneggia i lavoratori nell’ambito dell’esercizio della professione.

Anep ritiene, quindi, che per la figura dell’Educatore Professionale debba completarsi il riconoscimento giuridico previsto dalle normative vigenti e che debba essere prevista una formazione di base (univoca ed omogenea) di tipo universitario attraverso un unico percorso formativo.

Attualmente solo il Ministero della Sanità ha provveduto a riconoscere la figura dell’Educatore Professionale, prima attraverso il DM 10/2/84, attualmente attraverso il DM 520/98, mentre si è in attesa che medesimo riconoscimento avvenga in ambito sociale (LN 328/00) e socio-sanitario (Dlgs 229/99).

ANEP si riconosce nel profilo Ministeriale 520 che individua  l'educatore professionale come operatore sociale e sanitario e sancisce che la fomazione sia svolta in  collaborazione tra più università.

Attualmente c'è  necessità di garantire percorsi formativi certi per accedere alla professione per dare certezze agli studenti ma anche ai servizi che utilizzano gli educatori professionali in Italia.

Il doppio canale formativo di SNT2 e L19 purtroppo non danno tali certezze anzi incrementano confusione anche tra i principali protagonisti dell'intervento educativo: le persone fragili i cui diritti non dovrebbero mai essere messi in discussione.

Per superare il doppio canale formativo universitario è necessario rivedere i decreti ministeriali sugli ordinamenti didattici  prevedendo una collaborazione  di interdipartimento  e rispondendo così a quanto previsto dal decreto di individuazione del profilo (vedi art.3 del DM 520/98)

leggi il comunicato del congresso nazionale 2014

Per approfondire: 
- il percorso storico, la situazione attuale e le prospettive su cui lavora Anep.

Prossimi Eventi

VIVERE E COMUNICARE CON L’HUNTINGTON: un evento formativo con la partecipazione di Jimmy Pollard

Evento ECM per Educatori Professionali, lunedi 4 Dicembre a Milano, tenuto da Jimmy Pollard per la ricerca sulla malatti...


Prima Giornata Nazionale sulle Dipendenze Tecnologiche e sul Cyberbullismo

Convegno 2018 su cyberbullismo e dipendenze tecnologiche


12° Forum Risk Management in Sanità - 2017

Firenze 28/11 - 01/12. QUALITA’ – SICUREZZA ED EQUITA’ DI ACCESSO ALLE CURE OCCASIONE DI CAMBIAMENTO DELLA SANITA’. LA R...


Social Festival IV appuntamento nazionale

IV Social Festival organizzato da Animazione sociale, mensile per gli operatori sociali.

Manuale per i corsi di laurea in EP

 

In collaborazione con ANEP,  è possibile acquistare il testo con il 20% di sconto cliccando sul seguente

Acquistalo