Strutture al tracollo

Pubblicato il 04-02-2016 da Luca Balducci - ( 1610 letture )

 

Se le difficoltà che si sono abbattute contro le RSA ed RA per anziani non autosufficienti e disabili “dovesse ancora perdurare senza trovare degli immediati correttivi da parte delle Istituzioni preposte ad individuare una corretta e soprattutto applicabile procedura di fatturazione della quota di Compartecipazione”, queste strutture “saranno presto nella impossibilità di continuare a garantire servizi assistenziali dignitosi alle persone ed a far fronte al pagamento delle retribuzioni delle centinaia di Operatori Sanitari che questo settore impegna”. A lanciare l’allarme è la Confindustria di Chieti e Pescara in una nota in cui si spiegano tutte le cause della economico-finanziaria delle strutture di RSA ed RA per anziani non autosufficienti e disabili, che “ha radici datate” ed è legata a motivi “plurimi e stratificati nel tempo”. “E' bene ricordare – spiega Confindustria in una nota - che questi Enti operano in nome e per conto del Servizio Sanitario Regionale tramite la negoziazione con la Regione Abruzzo di un budget annuo costituito da rette giornaliere al fine di garantire il servizio di assistenza socio-sanitaria a questa tipologia di paziente/utente. Le rette giornaliere, stabilite dalla Giunta Regionale, furono fissate con Delibere n. 661 e 662 del 14 agosto 2002, quando ancora il costo della vita si calcolava in lire, e la norma nazionale, con DM Sanità del 15 aprile 1994, dispone la periodicità almeno triennale dell'aggiornamento delle tariffe in considerazione delle innovazioni tecnologiche, dei costi delle prestazioni, dei costi contrattuali e della vita (indice Istat). Peraltro, il budget complessivo destinato dalla Regione all'assistenza degli anziani e disabili fu all'epoca negoziato con le strutture per circa 40 milioni di euro. Oggi, a seguito dei drastici tagli inflitti alla sanità, sono scesi a 32 ml”.

                                                                                      


Fonte quotidianosanita

 

Pubblica in:   

Notizia presente in:

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

Equivalenza titoli Regione Campania

Avvio delle procedure per l'equivalenza dei titoli EP in Campania

EP: Storie di tutti i giorni

Nuova rubrica social per educatori/educatrici professionali

Aggiornamento Acquisizione Crediti ECM triennio 2020-2022

Commissione Nazionale Formazione Continua e Dossier Formativo di Gruppo.

Federazione TSRM-PSTRP - Circolare n. 5/2020 - Dossier formativo di gruppo

"La scrivente, credendo fermamente in questo tipo di percorso, con il supporto dei componenti della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) e al Consorzio per la gestione anagrafica delle professioni sanitarie(CoGeAPS), ha predisposto il D

ULTIME NEWS REGIONALI

Bando di equivalenza Educatori Professionali Regione Emilia Romagna- scadenza 20 marzo 2020

E' stato pubblicato in data 21 gennaio 2020, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna, il bando per le richieste di equivalenza relative alla figura professionale di Educatore Professionale socio sanitario.

Bando equivalenza Educatore Professionale Regione Abruzzo - scadenza 7 aprile 2020

Pubblicato sul BUR della Regione Abruzzo il bando di equivalenza rivolto afli educatori professionali.

Bando di Equivalenza Educatore Professionale Regione Lombardia - BUR Serie Ordinaria n. 8 - Lunedì 17 febbraio 2020 - Scadenza 16 aprile 2020

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI RICONOSCIMENTO DELL’EQUIVALENZA DEI TITOLI DEL PREGRESSO ORDINAMENTO, AL TITOLO UNIVERSITARIO DI EDUCATORE PROFESSIONALE SOCIO SANITARIO ex art. 6, co. 3, d. lgs 502/92. e s.m.i.. Accordo Stato/Reg

Bando di Equivalenza Educatori Professionali Regione Valle D'Aosta - Scadenza 10 aprile 2020

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI RICONOSCIMENTO DELL’EQUIVALENZA DEI TITOLI DEL PREGRESSO ORDINAMENTO, AL TITOLO UNIVERSITARIO DI EDUCATORE PROFESSIONALE SOCIO SANITARIO ex art. 6, co. 3, d. lgs 502/92. e s.m.i.. Accordo Stato/Reg