"Carta di Trieste sulla non contenzione"

Pubblicato il 17-09-2017 da Comunicazione ANEP - ( 1100 letture )

 

Salute: Regione Fvg sottoscrive la "Carta di Trieste sulla non contenzione"

Parte da Trieste, capoluogo del Friuli Venezia Giulia, con la precisa ambizione di estendersi a tutta Italia e di arrivare fino a Bruxelles, un messaggio forte che punta a superare la pratica della contenzione nelle strutture sanitarie ed assistenziali, nel pieno rispetto dei diritti delle persone più fragili.


L'Amministrazione regionale, che già lo scorso anno aveva approvato una delibera con delle precise raccomandazioni per evitare questa procedura, ha infatti sottoscritto oggi - insieme al Comune di Trieste, alla facoltà di medicina dell'Università, ai Nas dei Carabinieri - la "Carta di Trieste sulla Non contenzione", un manifesto elaborato lo scorso marzo dall'Azienda sanitaria universitaria integrata insieme a Ordine dei medici, professionisti della salute, magistrati italiani e brasiliani, volontari di diverse associazioni e rappresentanti del Gruppo Trieste libera dalla contenzione.

Ad apporre la firma sotto questo importante documento, che infrange una barriera culturale volendo porre fine ad una pratica consolidata, sono stati oggi a Trieste la presidente della Regione, Debora Serracchiani, l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca, il presidente della Commissione sanità del Consiglio regionale, Franco Rotelli, l'assessore ai servizi sociali del Comune di Trieste, Carlo GrilliRoberto Di Lenarda per l'Università di Trieste e il capitano Fabio Gentilini dei Nas dell'Arma dei Carabinieri. Erano presenti, tra gli altri, anche il direttore dell'AsuiTs Nicola Delli Quadri e il presidente dell'Ordine dei medici di Trieste Claudio Pandullo.

La contenzione è un atto di natura eccezionale, applicato con l'utilizzo di dispositivi fisici, farmacologici o ambientali che limitano la libertà e la capacità di movimento o comportamenti della persona assistita, per controllarla o impedirle di recare danni a sé o ad altri. Una procedura che viene adottata quando tutte le altre misure alternative si siano dimostrate inefficaci.

Fonte: www.triesteprima.it

 

Pubblica in:   

Notizia presente in: Noi EP

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

RIPARTIRE PER AFFERMARE LA PROFESSIONE DI EDUCATORE PROFESSIONALE

Una lettura delle norme presenti nella Legge di Bilancio 2019, espressione della posizione di ANEP sui Commi che riguardano la professione.

BASTA CON LE MENZOGNE! La professione di educatore professionale non è divisibile! comunicato stampa

Si sta facendo un gran rumore usando le più bieche modalità comunicative, quelle delle fake news! Il bello è che le fake news sono state create ad artifizio proprio per giustificare le peggiori nefandezze legislative in questo Paese.

Un anno di intensa lettura: un segnale incoraggiante per gli EP!

Un anno della pagina web/ANEP “Selezione di letteratura per Educatore Professionale

ANEP DICE STOP!

ANEP dice stop all’assalto con emendamenti alla prossima legge di stabilità in approvazione a fine anno, lesivi della dignità professionale!

ULTIME NEWS REGIONALI

ASSEMBLEA Regionale Toscana Soci ANEP

L'assemblea regionale si svolgerà Sabato 26 Gennaio 2019 alle ore 9:00 presso il Circolo Acli “Gli Incontri” via A. Gramsci, 705, Sesto F.no (FI)

Incontro gruppo Consiglio Direttivo Regionale ANEP Emilia Romagna Sabato 17 Gennaio 2019

Sabato 17 Gennaio 2019 presso ila Biblioteca del Centro Minguzzi in via Sant?Isaia , 90 a Bologna si terrà il CdR della >Sez. ANEP Emilia Romagna dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Chi garantisce la salute dei cittadini?

Nota ufficiale in merito ai fatti accaduti al Centro di Riabilitazione S. Agostino sugli arresti a carico di Educatori in servizio.

L' Educatore Professionale socio sanitario nei servizi educativi

L'ASSESSORATO ALLE POLITICHE EDUCATIVE E DELL’ISTRUZIONE ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE DEL COMUNE DI GENOVA RISPONDE AD ANEP SEZIONE LIGURIA, IN MERITO ALLA DIFFIDA PRESENTATA DA CODESTA ASSOCIAZIONE.