Triathlon

Pubblicato il 12-02-2016 da Luca Balducci - ( 1515 letture )

 

Favorire indipendenza, benessere e reinserimento sociale e lavorativo dei pazienti con psicosi, assicurare l’accesso e la continuità delle cure, ridurre i rilevanti costi socio-sanitari di una malattia che oggi deve essere considerata curabile, contro lo stigma che accompagna ancora chi soffre di disturbi mentali. 

Sono gli obiettivi del progetto TRIATHLON - Indipendenza, Benessere, Integrazione nella Psicosi. un programma innovativo per promuovere il recupero ed il reinserimento dei pazienti attraverso un approccio integrato, basato sul coinvolgimento di tutte le figure chiave dell’assistenza, lungo tre dimensioni fondamentali: la dimensione clinica, la dimensione organizzativa e quella sociale. 

La schizofrenia è tra le patologie che hanno un impatto maggiore sulla vita del paziente e dei familiari ed è inclusa tra le prime dieci cause di grave disabilità cronica; in Italia i pazienti sono circa 300.000. In Campania si stima sia affetto da un disturbo psicotico circa lo 0,5% della popolazione, un dato in linea con la media nazionale. 

Nell’ambito del Progetto TRIATHLON, psichiatri e operatori di alcuni Dipartimenti di Salute Mentale della Campania saranno coinvolti in attività di formazione su tutti gli elementi utili al benessere dei pazienti: non solo farmacoterapia, ma anche psicoeducazione e riabilitazione cognitiva, abuso di sostanze e organizzazione dei percorsi terapeutici. Strumenti informativi digitali e cartacei e piattaforme di interazione faciliteranno la gestione della terapia. E per la prima volta, la disciplina del Triathlon viene proposta come nuovo approccio per il benessere delle persone con psicosi: un programma di attività con i Dipartimenti di Salute Mentale che guideranno i pazienti fino a culminare nel Primo campionato di Triathlon a squadre della salute mentale. È dimostrato, infatti, che l’attività fisica è uno strumento efficace per ridurre la situazione compromessa dei pazienti in quanto migliora i sintomi e le performance cognitive dei pazienti. 

«Il progetto TRIATHLON promuove l’integrazione del paziente e la formazione degli operatori sul tema del trattamento integrato e personalizzato – afferma Silvana Galderisi, Professore Ordinario di Psichiatria, Università degli Studi di Napoli SUN e Presidente eletto European Psychiatric Association (EPA). «TRIATHLON propone un reale cambio di passo nella gestione delle malattie psicotiche: i trattamenti non sono più volti solo a migliorare la sintomatologia, ma finalizzati al recupero della persona e a migliorare la sua qualità di vita. Per questo nell’ambito della dimensione clinica, la formazione degli operatori riguarderà non solo la diagnosi e il trattamento farmacologico, ma anche la riabilitazione cognitiva, che facilita il recupero funzionale, e la psicoeducazione, volta a migliorare il clima famigliare e a ridurre lo stress del paziente e del caregiver». 

La dimensione organizzativa prevede attività di formazione su aspetti organizzativi (PDTA) e di farmacoeconomia. La terza dimensione, quella sociale, attiene al reinserimento del paziente psicotico nella vita di tutti i giorni e prevede diverse attività, inclusa l’attività fisica, oltre all’utilizzo di strumenti e supporti digitali e cartacei utili a migliorare la gestione della patologia da parte dei servizi e degli stessi pazienti. 

A supporto della dimensione sportiva, nei Dipartimenti di Salute Mentale verrà avviato un percorso di allenamento sulle tre specialità del Triathlon, nuoto, corsa e ciclismo, con incontri regolari tenuti da istruttori della FITRI (Federazione Italiana Triathlon), supporti educazionali cartacei e on-line. Nei DSM verrà promossa la costituzione di squadre miste formate da pazienti, medici e personale sanitario, che si potranno cimentare in una o più discipline del Triathlon per poi partecipare alle tre manifestazioni sportive non competitive che verranno organizzate nei maggiori capoluoghi italiani nell’arco dei prossimi mesi, dando vita al Primo campionato di Triathlon a squadre della salute mentale.
                                                      
Fonte cilentonotizie

 

Pubblica in:   

Notizia presente in:

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

ALTRA VITTORIA DI ANEP AL CONSIGLIO DI STATO

Sempre più vicini alla figura unica di EP che invece le Università vorrebbero vedere divisa a discapito dei professionisti e dei servizi.

Esiti dal FORUM RISK MANAGEMENT Il ruolo dell'educatore professionale

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO E SICUREZZA DEI PAZIENTI E DELLE CURE: il ruolo dell’Educatore Professionale

LE CANDIDATURE ANEP per le commissioni d'Albo 2019-2021

LE CANDIDATURE DI ANEP PER LE COMMISSIONI D'ALBO 2019-2021

IL RUOLO DELL'EDUCATORE PROFESSIONALE NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO E DELLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E DELLE CURE

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM-PSTRP ha istituito un coordinamento nazionale sul tema della Gestione del Rischio e Sicurezza in Sanità: partecipiamo attivamente compilando il questionario proposto!

ULTIME NEWS REGIONALI

Convegno ANEP Abruzzo e istituzioni - 13 dicembre ore 15 - presso la sala consiliare del comune di Pescara

La sezione Anep Abruzzo invita a partecipare al convegno: "Dal D.M.520/98 all’ istituzione degli albi delle professioni sanitarie, alla legge 3/2018 e agli elenchi speciali della legge 145/2018: criticità, opportunità e prospettive dell’educatore professi

5 dicembre a Macerata : Incontro tra il CDR Anep Marche e gli Educatori Professionali

incontro a macerata rivolto a tutti gli educatori professionali

Incontro EP ad Asti il 9 dicembre 2019

LUNEDI' 9 DICEMBRE ALLE ORE 16,30 presso il Comune di Asti in piazza San Secondo 1 Sala Platone, ex Sala consigliare

Incontro EP ad Aosta il 2 dicembre 2019 ore 16,30

Lunedì 2 dicembre dalle ore 16,30 alle ore 18,30 ad Aosta, in via Xavier de Maistre 17 , presso la sala a piano terra dell’assessorato sanità, salute e politiche sociali si terrà ...